banner-header

СНПЧ А7 Омск, обзоры принтеров и МФУ

servo di Dio, martire, n. a Noves (Lérida-Spagna) il 26 luglio 1862; prof. perp. a Sarriá il 7 dic. 1892; m. a Sarriá il 4 agosto 1936. 


(cfr. E. Valentini - A. Rodinò, Dizionario biografico dei salesiani, a cura dell'ufficio stampa salesiano, Torino, S.G.S., 1969, p. 231).


Orfano, fu ricevuto nel collegio salesiano di Sarriá come serviente. Ebbe la fortuna di incontrarvi don Bosco nel 1886, e si fece salesiano. Il suo umile lavoro di cuoco non lo distolse dall'arrivare, con la grazia del Signore, a un alto grado di perfezione cristiana. Lavorare e pregare era tutt'uno per lui. Per riguardo alla sua età fu trasferito a Villena, un ambiente più piccolo. Ma ritornò a Sarria per pregare e predicare col buon esempio. Fu arrestato nel luglio 1936 dai rossi e ottenne la palma del martirio nelle medesime circostanze di don Giuseppe Batalla. Il processo diocesano di beatificazione fu introdotto il 15 dicembre 1953.